Review

L’accademia del bene e del male

L‘accademia del bene e del male

Sophie e Agatha grandi amiche che vivono in un piccolo peasino di nome Galvadon. Sophie è bionda, bellissima e si prodiga per essere buona, mentre Agatha è più dark e solitaria!

Ogni quattro anni il villaggio viene funestato da un’ombra che rapisce due ragazzi e lì porta nella leggendaria Accademia del Bene e del Male, dove ragazze e ragazzi vengono preparati a diventare gli eroi e i cattivi delle fiabe. Con i suoi eleganti abiti rosa, le scarpette di cristallo e la passione per le buone azioni, Sophie sa che otterrà ottimi voti nella Scuola del Bene. Agatha invece sembra una perfetta candidata per la Scuola del Male. Quando arrivano all’Accademia le due ragazze fanno una scoperta sorprendente: Sophie finisce nella Scuola del Male a seguire lezioni di Imbruttimento, Trappole mortali e Storia della Cattiveria, mentre Agatha si ritrova nella Scuola del Bene, a lezione di Etichetta principesca. Si tratta di un errore? O forse il loro autentico carattere è diverso da ciò che tutti credono? Per Sophie e Agatha comincia un viaggio in un mondo straordinario, dove l’unico modo per uscire dalla fiaba è viverne una fino alla fine.

L’accademia del bene e del male è il bellissimo inizio di una saga intrigante e coinvolgente. Questo libro non è stato niente di quello che mi aspettavo, ma è stata sicuramente una piacevole sorpresa. È una storia che fa sognare!

Ultimamente, tranne rare eccezioni, ho avuto qualche problema nel farmi prendere completamente dai romanzi fantasy, nonostante sia il mio genere, ma finalmente l’accademia con i suoi colpi di scena e la scrittura coinvolgete è riuscita a prendermi del tutto.

Ringrazio Fra de @ilpoteredeilibri per avermi convinto a iniziare questa saga e spero di riuscire presto a sfoltire la mia TBR e leggere i prossimi volumi.

Review

Cheshire Crossing

Cheshire Crossing

Cosa succede quando Alice, Dorothy e Wendy tornano dal Paese delle Meraviglie, da Oz e dall’Isola-che-non-c’è? Cosa succede quando iniziano a parlare di altri mondi, scimmie volanti, pirati e tè con cappellai un po’ fuori di testa? Succede che lo scontro con la realtà degli adulti porta a dottori, cure estreme e diagnosi di Psicosi dissociativa.

E dopo anni dentro e fuori da centri di salute mentale arrivano a Cheshire Crossing, solo che non vengono riunite lì per i loro problemi di salute mentale, ma per la loro abilità di viaggiare in altri mondi. Finalmente qualcuno crede alle ragazze e si occuperà di proteggerle e rafforzarle! Cheshire è una scuola molto speciale dove impareranno a gestire le loro straordinarie esperienze e il loro dono di attraversare mondi magici. Solo che le tre ragazze ormai adolescenti non riescono a starsene tranquille e tra un viaggio di qui e di là fanno incontrare la malvagia Strega dell’Ovest e Capitan Uncino, e mo’ sono cavoli amari!

Cheshire Crossing è una graphic novel costruita con maestria e intelligenza. Ho amato l’idea di unire le nostre eroine che tanto hanno penato dopo che sono tornate dai loro viaggi magici. Le loro avventure sono state piene di pericoli, ma penso che il peggio l’hanno vissuto una volta tornate a casa ed è un aspetto che ho adorato.

Mi è piaciuta molto l’idea di mettere Wendy, Dorothy e Alice assieme, facendole viaggiare tra i loro mondi e trasportarle in una nuova avventura. Le ragazze sono molto diverse, ma hanno tanto in comune!

Non dimentichiamoci che questa è una graphic novel e quindi non è solo importante la storia, ma anche i disegni! Lo stile grafico e la paletta di colori si addice perfettamente alla storia e le regala quel qualcosa in più grazie al quale ho divorato questa graphic novel!

Chesire Crossing è un fantastico mix tra disegni bellissimi e una storia avvincente che mi invoglia ancora di più a leggere Graphic Novel!

Grazie a OscarVault per avermela inviata, è stata una vera scoperta.

Review

Thunderhead

Thunderhead è il 2° capitolo della trilogia della Falce di Neal Shusterman

Dopo il sorprendente e accattivante inizio della trilogia della Falce con l’omonimo “Falce”, Oscar Vault ritorna oggi in libreria con il secondo libro della trilogia: Thunderhad.

Falce è stata una vera e propria rivelazione, un romanzo distopico che mi ha preso sin da subito con tanti colpi di scena e un’ambientazione particolare, per questo non vedevo l’ora di continuare la lettura di questa trilogia.
I romanzi di Neal Shusterman sono ambientati nel futuro in un mondo dove il Thunderhead, una super intelligenza artificiale è riuscita a dare la svolta all’umanità, fermando le guerre, battendo la fame e la morte.
Però nemmeno il Thunderhead può sostenere tutti, alcuni eventi naturali sono necessari. Per questo è nata la Compagnia delle Falci che si occupa tenere a bada la crescita demografica “spigolando” le persone… O meglio uccidendole!

Avevamo lasciato Rowan e Citra alla fine del loro turbolento apprendistato per diventare Falci, il quale doveva concludersi con la morte di uno dei due.
Dopo aver scampato la fine preannunciata ritroviamo Rowan ribelle e fuggitivo, ma soprattutto diventato una vera leggenda: Maestro Lucifero, un vigilante che mette fine alle esistenze delle falci corrotte, indegne di occupare la loro posizione di privilegio e ovviamente porta scompiglio nella Compagnia.
Mentre Citra ha intrapreso il suo ruolo di Falce come la Veneranda Madame Anastasia eseguendo le sue spigolature con una compassione che sfida il nuovo ordine e che inevitabilmente mette la sua vita e quella della sua maestra Madame Marie Curie al centro dell’attenzione e nel mirino dei loro nemici.

In questa battaglia di potere tra la vecchia guardia e il nuovo ordine delle Falci il Thurderhead osserva tutto e vede il nuovo ordine mettere in pericolo il mondo che ha creato, ma Stato e Falci sono divise, non si parlano e il Thunderhead non può intervenire per sanare la situazione. Seguirà dunque le sue stesse leggi e rimarrà in silenzio o interverrà per salvare Citra, la Compagnia e forse il mondo perfetto che ha creato?

Thunderhead è un buon romanzo intermedio per una trilogia. Ha tutte le caratteristiche giuste e necessarie per invogliare il lettore a continuare la lettura della seria ma forse non ha brillato.
Ok no, dire che non ha brillato è ingiusto. Riprende la storia dandogli una scossa, è molto interessante capire come ragioni il Thurnderhead e come ha elaborato la nuova società.
Ci sono stati colpi di scena che non mi sarei aspettata, altri invece che li ho visto arrivare fin troppo da lontano e forse ne avrei anche fatto a meno. Thunderhead lascia abbastanza acquolina in bocca per rimanere in attesa di leggere il finale della trilogia, ma sicuramente non è riuscito a prendermi come il romanzo precedente.
Diciamo che alcune parti andavano snellite per rendere la lettura più fluida e coinvolgente, ma in ogni caso rimane un buon romanzo con una storia interessante e sono curiosissima di sapere come si concluderà la trilogia.

Ringrazio Oscar Vault per avermi dato la possibilità di leggere Thunderhead in anteprima. Adoro lo stile con cui interagiscono con noi lettori e attendo di sapere cosa ne sarà di Rowan e Citra!

Review

Miti del Nord

Ultimamente sono sempre più attratta dalla mitologia norrena e per questo non vedevo l’ora di leggere questo libro, anche se non sapevo bene cosa aspettarmi da questo libro targato Oscar Vault.
Sono stata ad Asgard con Thor grazie al fantastico viaggio by Marvel. Ho letto qualcosa online e ho sentito parlare della grandezza degli Dei, della cultura e crudeltà norrena in Vikings.⠀


“Odino ha dato il suo occhio per conoscere l’ignoto, ma io farò molto di più.”⠀

Ragnarr Loðbrók


Neil Gaiman è un boss in tutto quello che è Comics, fantascienza e fantasy.
Quindi tra la passione per il vecchio Nord e lo spessore dell’autore le aspettative all’inizio di questa lettura erano molto alte!
Fortunatamente l’uscita @oscarvault ancora una volta non mi ha deluso!⠀
Miti del Nord offre uno scorcio sulla mitologia norrena davvero interessante. Le pagine scorrono veloci mentre leggiamo di come sono nati gli Dei e come hanno creato Midgard (la Terra) e gli altri 8 mondi tutti legati da Yggdrasill, l’albero del mondo. ⠀
Nei vari racconti contenuti in Miti del Nord scopriamo come Odino abbia ricevuto la sua saggezza, come Mjöllnir sia stato forgiato e donato a Thor con il quale ha vinto innumerevoli battaglie e vissuto parecchie avventure. ⠀
Loki, il dio dell’inganno, porta molto scompiglio tra gli Dei. La sua ambiguità e crudeltà sono ai massimi livelli così come la vendetta degli Dei che si abbatterà su di lui della quale persino io avvevo già sentito parlare. Vendetta e prigionia di cui si libererà solo con l’arrivo del Ragnarok, la fine di tutto e che fine è stata! ⠀

Miti del Nord entra a colpi di martello nella lista must read